Kenya - La terra dei sorrisi

Kenya - The land of smiles

Il Kenya è un incredibile Paese africano dove è possibile trovare la migliore combinazione di flora, fauna, cultura e un clima perfetto per ogni tipo di ciclista. Inoltre è facilmente raggiungibile dall’Europa in aereo o attraversando i confini dei Paesi vicini. Noi abbiamo preso un volo dalla Finlandia e concentrato la nostra avventura in due mesi. 

 

Nelle prossime righe vi racconteremo come siamo finiti a pedalare in Kenya, come abbiamo pianificato il percorso e com’è stata la nostra esperienza complessiva come ciclisti.

 

Il percorso

 

Abbiamo scelto di fare un percorso ad anello, partendo dalla capitale del Kenya, Nairobi, e concludendo il viaggio nello stesso posto. Siamo atterrati dalla Finlandia con le nostre biciclette e le abbiamo montate in un hotel in centro città. Abbiamo lasciato gli scatoloni nello stesso hotel in cui siamo arrivati, così ci avrebbero aspettato alla fine del viaggio.

 

Noi non pianifichiamo mai il nostro percorso prima di iniziare a pedalare. Per alcuni ciclisti, questo potrebbe essere stressante, ma per noi è parte dell’emozione e ci piace essere spontanei. Abbiamo abbozzato una pianificazione approssimativa del percorso basata su quello che volevamo vedere in Kenya. Volevamo visitare il Maasai Mara National Park e pedalare comunque verso Nord, dove c’è una buona possibilità di incontrare animali selvatici lungo la strada. Abbiamo anche controllato un tracciato ciclistico già pronto chiamato Kenya Bike Odyssey ma l’abbiamo trovato troppo affollato e commerciale per noi.

 

Alla fine abbiamo seguito i nostri itinerari e questo ci andava benissimo. Da Nairobi abbiamo preso una strada diretta per Naivasha ed è stata la strada più trafficata che abbiamo mai percorso in bicicletta, piena di camion e auto, praticamente un'autostrada. Da Naivasha abbiamo pedalato fino al confine con la Tanzania e, dopo aver visitato il Maasai Mara, ci siamo diretti verso il nord-ovest del Kenya. Poi il tempo era quasi finito e siamo tornati a Nairobi. A causa del percorso scelto, il nostro viaggio è stato molto vario e ha incluso strade collinari fangose, savana, foreste e terreni pianeggianti. Non abbiamo avuto bisogno di trovare un alloggio perché avevamo con noi tutto il necessario e abbiamo trascorso la maggior parte delle notti dormendo in tenda quando e dove volevamo.

 

Cosa offre il Kenya ai ciclisti

 

Il Kenya è bello, vario e pieno di gente cordiale. Come la maggior parte dei Paesi, le città sono trafficate, ma una volta lasciata la capitale si vede la vera bellezza di questo posto. In Kenya, abbiamo incontrato valli e colline verdi su entrambi i lati della strada. Infatti, durante l’inverno, nel periodo in cui abbiamo pedalato subito dopo la stagione delle piogge, la natura del Kenya era incredibilmente verde. Alla fine di ogni giornata si sente anche l'effetto delle colline sulle gambe, perché una volta che ci si diverte a scendere da una collina, si sa che dopo un po' si deve risalire. Le colline sono anche molto lunghe, decine e decine di chilometri alla volta. Le strade asfaltate sono in buone condizioni, ma il traffico in Kenya è molto pericoloso, le auto e i camion sfrecciano molto spesso e i ciclisti vengono facilmente dimenticati. Le piccole strade secondarie in campagna sono belle e tranquille, ma a volte sono anche di proprietà privata e, se non si vuole pagare per l'uso della strada, ci si ritrova a pedalare di nuovo tra i camion. Pedalare più vicino alle città significa più traffico.

 

L’atmosfera in Kenya è rilassata e le persone sono sempre sorridenti. Essere educati è una parte importante del modo in cui le persone interagiscono con i ciclisti, anche se i prezzi nei ristoranti e nei negozi spesso sono più alti per gli stranieri. Contrattare fa parte della cultura e la gente del posto lo fa ancora con il sorriso sulle labbra. Il clima varia a seconda del luogo in cui si viaggia. Noi ci siamo recati dapprima sugli "altipiani" del Kenya, dove le temperature oscillavano tra i 15 e i 20 gradi. Era molto confortevole e le notti erano persino fresche, ma quando ci siamo avvicinati alla savana è stato molto difficile pedalare nelle ore centrali della giornata a causa del caldo. Quando le temperature si avvicinano ai 40 gradi, hai bisogno di idratarti e proteggerti dal sole.

 

Tutto sommato, il Kenya è un ottimo Paese per iniziare a pedalare in Africa, sia che tu abbia solo una breve vacanza o qualche giorno in più da trascorrere. Non è necessario essere ciclisti professionisti per vivere un’esperienza confortevole in bici e, se vuoi, puoi anche dormire in hotel ogni notte. D’altra parte, puoi vivere un’autentica esperienza come noi, con percorsi nascosti, incontrando animali selvatici sulla strada e dormendo in tenda. Troverai cibo delizioso, acqua pulita e gente cordiale ovunque tu vada in Kenya. E no, i leoni non ti mangeranno mentre stai pedalando.